Vedi profilo

Design, parole e diritto - Tra consapevolezza e fuffa

Design, parole e diritto - Tra consapevolezza e fuffa
di Avv. Giorgio Trono  • Newsletter #10 • Visualizza online

Dedico l'ultima newsletter dell'anno a 4 parole che mi hanno accompagnato in questo 2020 e che mi spingono a fare meglio nel 2021; tra hackaton, David Foster Wallace, Zanshin tech e un prossimo webinar.
Consapevolezza
Dalle ubique informative privacy alle confuse regole su giorni arancioni, rossi e congiunti: ogni giorno veniamo inondati di informazioni ma a stento rimaniamo a galla grazie alla loro comprensione.
E allora, come creare comprensione o, almeno, come ridurne il costo? Se trattiamo l'informazione come un materiale grezzo e non come il prodotto finito, possiamo modellarla per darle una forma che si adatti a coloro cui l'informazione è destinata.
Pensa all'hackaton sul legal design patrocinato dal Garante privacy, cui hanno partecipato in circa 200 tra giuristi, designer e sviluppatori.
Ha vinto chi ha saputo trasformare l'indigeribile informativa di Tik Tok in un qualcosa di accattivante e comprensibile per i suoi giovani utenti: sì, è possibile parlare la lingua di chi riceve l'informazione, nel rispetto dei vincoli legali. Chiarezza e rigore vanno d'accordo, eccome.
Memo per il 2021
Mettere a disposizione un'informazione è solo il primo passo verso la sua comprensione: la chiave è tutta qui.
Ostacoli
In un articolo sulla scrittura giuridica che ho scritto di recente ho citato la storiella di D.F. Wallace sui pesci che non si rendono conto dell'acqua in cui nuotano.
I pesci sono gli avvocati, i legali interni di un'azienda, i burocrati: provate a dire loro che quanto hanno scritto non brilla per chiarezza. Vi guarderanno nella migliore ipotesi con stupore (“chi, io?” di fantozziana memoria), nella peggiore con l'aria di chi “come si permette?”.
Memo per il 2021
Diffondere conoscenza e, quindi, consapevolezza (ossia, fare capire che un altro modo di scrivere/comunicare è possibile).
Se necessario, aggirare l'ostacolo parlando innanzitutto – dentro un'azienda, dentro la pubblica amministrazione – a chi ha a cuore una comunicazione fatta bene.
Multidisciplinarietà
Come Legal Hackers Milano abbiamo organizzato un webinar sullo Zenshin tech. “Cosa diavolo è?”, ti starai chiedendo.
È un'arte marziale digitale che fonde gli insegnamenti delle arti marziali con le nozioni di cybersecurity: grazie all'analisi dei casi reali e alla loro “dissezione nelle singole tecniche di attacco utilizzate dall'aggressore” si insegna ai giovani (ma non solo!) “a riconoscere i meccanismi del cyberbullismo, dell'adescamento e di molte altre aggressioni digitali come le truffe online o il cyberstalking” e a reagire nella maniera più corretta.
Un formidabile metodo di educazione per le scuole, uno strumento di consapevolezza che coniuga discipline apparentemente lontane tra loro.
Memo per il 2021
Assorbire come una spugna saperi lontani dal diritto. Mettere in soffitta i noiosissimi corsi di formazione su privacy e dintorni: urge un redesign della formazione legale.
Fuffa
Sul legal design ce ne è tanta di fuffa, specie in Italia. Nell'ultimo anno è diventata la classica buzzword: tutti ne parlano, pochi hanno capito cosa sia, pochissimi lo mettono in pratica.
Anche per questo terrò un webinar il 12 gennaio prossimo con gli amici di Legal Hacker Milano in cui farò il punto sul legal design in Italia e nel mondo: dove siamo, dove stiamo andando.
Ne parlerò insieme a due formidabili ricercatrici universitarie che all'estero si occupano da tempo del tema: Arianna Rossi e Rossana Ducato.
Nei prossimi giorni ti invierò il link con cui accedere al webinar.
Memo per il 2021
Se in qualsiasi evento sul legal design chi ne parla lo fa mostrando delle slide piene di testo, farcite di “atteso che, altresì, qualora”, non perdere tempo e passare a fare altro.
LINK
Ti piace questa newsletter?
Avv. Giorgio Trono

Progettare documenti e servizi legali seguendo i principi dello human centered design: le mie riflessioni sul legal design e sulla scrittura giuridica.

Informativa privacy: https://www.giorgiotrono.it/privacy/

Se non vuoi più questi aggiornamenti, cancellati qui.
Se hai ricevuto questa newsletter tramite inoltro e ti piace, puoi iscriverti qui.
Curato con passione da Avv. Giorgio Trono con Revue.